lunedì, maggio 26, 2008

Cake salato 2.0

Vorrei dirvi che per questo piatto ho sgranato piselli per un pomeriggio intero. Che ho pianto lacrime e rimmel sopra una cipolla di dimensioni commoventi. Che ho... be', no, questo lo salto (sapete, il terzo ingrediente è il prosciutto O_o). E invece no, perché c'avevo un raffreddore di quelli che rincitrulliscono anche chi è già citrullA di suo (e così – zac! vi sottraggo il vassoio d'argento che sembravo porgervi col più dolce dei sorrisi – ma come ebbi modo di dire una volta, sono una donna non sono una spalla), e il tempo a disposizione era così poco che sbuffava e starnutiva e santiava quasi quanto il mio naso. Quindi: piselli e cipolla saranno surgelati, e il prosciutto in una fetta spessa. Oh insomma.

Per il rimanente, fa testo la prima ricetta per il cake salato e cioè (no no, ve la riscrivo qui di seguito, non cliccate sul link e stiamocene qui tutti insieme, viscini viscini):
180 g di farina
1 bustina di lievito per torte salate
3 uova intere
10 cl di olio evo
10 cl di latte
100 g di Emmental grattuggiato
sale e pepe

Cerchiamo di andare un po' in ordine, ché questo è il primo post dopo una vita di silenzio e non vorrei maleimpressionare chi passasse di qui per la prima volta.... Allora, la farina e il lievito vanno setacciati e mescolati insieme e ospitati in una ciotola; nell'altra e più capiente ciotola sbattete uova, olio, latte e sale. Poi aggiungete il mix farina-lievito a cucchiaiate, continuando a sbattere per scoraggiare i grumi (se non v'interessa sviluppare il bicipite alla schwarzenegger, usate un frullino elettrico). Aggiungete il formaggio, 150 g di prosciutto tritato e mescolate ancora; quindi unite i piselli (150 g, minuscoli e appena scottati in acqua bollente salata) e la cipolla in brunoise (sempre 150 g, salata e passata in padella quel poco che basta a farle dimenticare di esser stata cruda). Mescolate di nuovo, ma ora molto delicatamente per non ammaccare i piselli (absit iniuria). Versate infine in uno stampo da plumcake (imburrato e infarinato se non l'usate di silicone) e mettete in forno caldo a 180° per 50 minuti circa.
Sfornate, sformate appena potete e degustate tiepido.
E poi sappiatemi dire.

10 commenti:

marcella candido cianchetti ha detto...

ottimo ,da provare buona giornata da marcella che è il mio nome

milo ha detto...

ciao omonima, grazie della visita :)

marcella candido cianchetti ha detto...

w a sicilia

Patt ha detto...

Uè!!!!
Torno finalmente nel mondo che più mi piace, dopo una lunga e forzata assenza (grazie telecom ...) e scopro che sei rispuntata anche tu! E con tanto di ottima ricettuzza! Come stai, cucciola?
Strucottoni :-*

Marco ha detto...

Se bagni in acqua fredda la cipolla tagliata a metà non dovresti soffrire così tanto fino alle lacrime! provaci!

MArco

comidademama ha detto...

ciao carissima
sono anche io super di corsa, da quando ci siamo lasciate ho lavorato senza tregua!!!! meno male, così non mi deprimo e non mi manca boston

io mi bagno sotto la punta del naso, dove ci sono le narici, e non piango, ma mi prude il naso

c'è chi si riempie la bocca di acqua ma non ho mai provato, adoro versare lacrime e rimmel ^_^

milo ha detto...

@marco ed @elena: ottimi suggerimenti, li proverò tipo domani - rara è la giornata che passa senza aver affettato almeno una cipolla... :)

artetecaskitchen ha detto...

Complimenti; arrivato qui per caso, google-ando.
Molto carino il tuo blog. Ti visiterò più spesso.
Spero ti piaccia anche il mio blog.
Fabrizio

Lucia ha detto...

Ciao, Milo! Voglio dirti che non mi sono "maleimpressionata", anzi :-) Ti trovo molto, molto simpatica e il tuo blog mi piace. Quindi sai che faccio? Divento tua sostenitrice e ogni tanto passo a trovarti ;-)

marcella aka milo ha detto...

grazie mille Lucia! Come avrai potuto notare, non sono esattamente una bloggher compulsiva: non ho mai scritto molto e in questo periodo scrivo ancora meno, ma sapere che mi tieni d'occhio mi fa molto piacere :)

sappi che io farò lo stesso con te :)